AnaMontanaro

ANNA MONTANARO nasce a Carate Brianza nel 1981.

All’età di 11 anni frequenta la libera Accademia Artistica F.A.L. fondata dall’artista Gino Meloni, per poi compiere gli studi superiori presso il Liceo Artistico Pio XI di Desio, sotto la guida dell’artista Marcello Maloberti e dello scultore Giampiero Moioli.

 Nel 2006 consegue il diploma accademico in Restauro d’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano ed arricchisce le sue conoscenze artistiche e tecniche specializzandosi prima in Restauro di dipinti su tela e tavola del ‘500 e del ‘600 sotto la guida del restauratore Luca Comolli presso l’Istituto PDM di Prato, ed in seguito in Restauro di affreschi e stucchi superficiali sotto la guida della restauratrice Giuseppina Suardi e dell’arch. Elena Gigliarelli (CNR Roma) presso l’Accademia Dedalo di Brescia.

 Nel 2005 collabora con la restauratrice prof.ssa Luciana Biliotti, assistendola nel corso di dipinti antichi da lei tenuto presso l’Accademia di Belle Arti di  Brera, Milano. 

ACQUISTA DIRETTAMENTE DALL'ARTISTA

Sito: annamontanaro.webnode.it 

EMAIL:   anna.montanaro.desio@gmail.com

  • Facebook
  • Instagram
SPIAGGE
40 X 40
tecnica mista
2019
Є1.300
PSYCHE
80 x 80
tecnica mista
2018
Є3.500
Opera finalista al premio RICOH 2019 e pubblicata sul catalogo RICOH
RIMESSA DEI TRAM
100 x 80
tecnica mista
2020
Є4.000
PATIENS
90 x 90
tecnica mista
2019
Є 4.200
MEMENTO
90 x 60
tenica mista
2018
Є 3.300
NUDO DI DONNA DI SCHIENA
30 x 40
Grafite su Fabriano
incorniciato e con passepartout
2020
Є140
STUDIO DI DONNA
30 X 40
grafite su conqueror
incorniciato e con passepartout
2020
Є140
PORSCHE 911
40 X 40
tecnica mista
2019
Є 1.700
TRAM
40 X 50
tecnica mista
2020
Є 2.000
Show More

BIOGRAFIA

ANNA MONTANARO artista desiano, nata a Carate Brianza nel 1981, da giovanissima frequenta la libera Accademia Artistica F.A.L. fondata dall’artista G. Meloni e il Liceo Artistico Pio XI di Desio sotto la guida di M. Maloberti e di G. Moioli, per laurearsi in Restauro d’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Si specializza prima in Restauro di dipinti su tela e tavola del ‘500 e del ‘600 sotto la guida di L. Comolli presso l’Istituto PDM di Prato, ed in seguito in Restauro di affreschi e stucchi superficiali sotto la guida di G. Suardi e dell’arch. E. Gigliarelli (CNR Roma) presso l’Accademia Dedalo di Brescia.

Nel 2005 collabora con prof.ssa L. Biliotti assistendola nel corso di dipinti antichi da lei tenuto presso l’Accademia di Belle Arti di  Brera a Milano e nel 2016 consegue la qualifica ministeriale di Tecnico del Restauro.

Finalista nei Premi: ARTE ed. Cairo, 1° Trofeo Ferruccio Lamborghini, De Andrè, Ricoh e Osten Biennial of Drawing.

Nel 2016 riceve il Diploma d’onore Premio Arte Cairo ed., nel 2017 il 1° Premio d’arte città di Novara, nel 2020 l’Alta Onorificenza Artistica ad Acri e il 1° Premio Ricoh sez. pittura.

Partecipa a mostre nazionali ed internazionali. Alcune sue opere sono presenti in collezioni private, pubbliche e museali in Italia, In Macedonia ed in Cile.

 

SITO

www.annamontanaro.webnode.it

PAGINA FACEBOOK

@montanaroarte

https://www.facebook.com/montanaroarte/

INSTAGRAM

@montanaroarte    

https://www.instagram.com/montanaroarte/


 

 

 

TESTO CRITICO

Il linguaggio estetico recentemente intrapreso, unisce in un unicum la fotografia, la stampa e la pittura. Elementi funzionali alla poetica di Anna Montanaro. Essi rappresentano il ricordo nel suo essere confuso, frammentato e frammentario; la memoria, nel suo romanticismo e nella sua dolcezza, per preservarla e trasportarla nel presente. 

Una ricerca introspettiva di immagini del proprio inconscio che, di volta in volta, affiorano dalla tela come un ricordo intrappolato nella memoria. Un’immagine alcune volte offuscata ed in alcuni casi nitida, nella quale: oggetti, figure e forme si mescolano sfociando in una narrazione onirica.

La tecnica utilizzata è volutamente effimera e latente volta ad enfatizzare la narrazione e coinvolgere lo spettatore nella ricerca di elementi a lui affini. Graffi e continue velature si alterano creando una lavorazione a più strati sovrapposti che donano profondità alla narrazione “stratigraficando e sedimentano” l’immagine immortalandola nel tempo.

Dott. Prof. Giorgio Gregorio Grasso – Storico e critico d’arte

 

Anna Montanaro riesce ad unire più tecniche, più filosofie, più linguaggi artistici, più linguaggi estetici per realizzare un'opera che non puoi definire in nessun modo se non con opera personale di Anna Montanaro.

L'opera di Anna Montanaro emoziona, ti fa vivere una realtà che non pensavi, ti fa entrare in un mondo magico che non immaginavi. La vera abilità di Anna Montanaro - che viene dalla pittura - in questo caso è nella riconoscibilità che nella fotografia è difficilissima ed è uno dei più importanti successi di un Artista. Come poi vedrete ogni opera ha un suo racconto, ogni opera ha un suo messaggio, ogni opera vuole dire qualcosa; in realtà saranno "Appunti di viaggio", ma non sono appunti di viaggio, perché Anna rappresenta l'umanità intera, la filosofia della vita, la filosofia della civiltà, quindi va molto aldilà del messaggio che vorrebbe limitare da un titolo che è riduttivo.

Dott. Prof. Giorgio Gregorio Grasso - Storico e critico d'arte 

 

I numerosi simboli, accanto a immagini concrete in elaborazioni digitali, permettono ad Anna Montanaro la costruzione di opere sviluppate su piani e livelli prospettici diversi, che possono rievocare fantasie e memorie dell’infanzia o esistenti scorsi visivi. Gli osservatori sono invitati a intraprendere un “viaggio” fra reale e irreale, nell’incastro dialettico sovrapposto a bisogni quotidiani “uguali per tutti!”, come l’acqua. La pittrice tende, in alcune occasioni , a riempire vuoti, a riunire forme, oggetti e persone, cercando di coinvolgere il pubblico in un percorso d’introspezione e analisi. L’accostamento e alternanze – tra aspetti grafici e toni, tra luci e ombre – rendono fastose le visioni rappresentate. 

(da) Nuova Arte: Rassegna di artisti e partecipanti al “Premio ARTE 2015-2016”, Cairo ed.

 Anna Montanaro pag. 32

 

Anna Montanaro nella sua ricerca artistica mostra di seguire due impostazioni apparentemente diverse che nascono, però, da una stessa sensibilità nel modo di concepire l'arte: come una visione statica, secondo i canoni di una perfezione classicizzante, o secondo una concezione dinamica, contemporanea, in cui il fare artistico si sviluppa libero e attivo. Certe immagini, ritratti e studi a graffite, sembrano cartoline dei vecchi tempi dal profumo della bellezza dei ricordi e di significati profondi, immagini velate da una tenda trasparente, appena visibile, a volte compatta, bianca, con drappeggi che cadono ai piedi dei protagonisti come una barriera, quasi un invito a sollevarla per scoprire un mondo sconosciuto. In questa prima maniera, l'arte di Anna Montanaro trasmette una misteriosa nostalgia che avvolge e domina l'atmosfera delle opere, come se l'artista si compiacesse di rivivere sentimenti rimossi senza comprimere le pulsioni vitali, che si consumano in se stesse tra tacite tastiere di una musica interiorizzata. Più vicina alla scultura questa serie di opere enfatizza la bellezza e la fragilità dell'essere viste secondo una perfezione statuaria: corpi nudi in posa, in atteggiamenti morbidi, armoniosi, dormienti, a volte presentati di spalle, a volte in torsione, o di fronte, vicini a una forma enigmatica di cavallo arcaico che si distacca per la sua corposa figura. E ancora una coppia mitologica, Angelica e Medoro, pronti ad incidere la loro storia d'amore sulla corteccia dell'albero; e volti della malinconia in cui l'espressività si concentra nell'intensità dello sguardo perso in una profonda contemplazione ed immerso nell'aspettativa; ritratti esibiti di profilo in sapiente silenzio, come in Siliere, o un'enigmatica Ofelia con il viso segnato in due parti leggermente contrastanti. Emblematico appare l'angelo dalle ampie ali, inginocchiato davanti un fiume bianco che lo sommerge come una valanga incontenibile, segnale luminoso, benefico o solo travestimento ingannevole che esorta alla sottomissione? Esprime impotenza, preghiera, ribellione, illuminazione o evasione innocua e, però, decisiva? Il discorso artistico continua con un metaforico volo di farfalle, una costante nell'immaginazione creativa dell'autrice, non a caso associata ai bambini con i loro desideri inafferrabili che provocano l'urlo dell'uomo-bambino, o mani tese che si allungano per prendere un giocattolo, offrire un fiore al simbolo della metamorfosi, o rappresentazione della Psiche, anime in migrazione, complessi impulsi, fasi trascendenti per accedere alla vita reale movimentata e coinvolgente. E siamo nel secondo modo, quando l'atto creativo si libera della riflessiva nostalgia di una statica bellezza classica e mette a fuoco immagini realistiche, una presa di posizione in cui si dimostra l'interesse per l'evento sociale, per la psicologia, per gli stati d'animo, forme e significati di uno sviluppo del pensiero artistico che si adegua a una realtà in continua trasformazione. I protagonisti sono di nuovo i bambini che passeggiano col dolce passo dell'amicizia, giocano a nascondino, o stanno in posa pensierosa accanto a un labirintico porticato. E una Danza vivace e coordinata nell'armonia dei movimenti in cui ogni partecipante contribuisce al gesto compiuto della gioia; Urania, la giovane musa dell'astronomia con gli occhi bendati allude a un ancestrale relativismo; vari ritratti di bambini con lo sguardo acceso da domande in attesa di risposte. Si aggiungono in un'atmosfera di dinamicità i giocatori di tennis, la grande sfida di Wimbledon, una donna indiana al lavoro, testimone per un progetto di Appunti di viaggio. Non potevano mancare in questa visione dinamica Amarcord o tram dei gelati con una precisa destinazione, le auto da corsa della bellezza scattante della Lamborghini. Un nuovo capitolo Sensum, si apre con forti immagini legate alla drammatica situazione causata da un virus che per la violenza del contagio ha cambiato il corso della vita nel mondo. L'artista lo presenta come un simbolo della paura, una sagoma realizzata a carboncino, munita da una maschera antigas; poi prosegue con una elaborazione di collage fotografico a colori, vernice e resina, volti in cui si legge paura, solitudine, rabbia, dolore, speranza, felicità. Come afferma Anna Montanaro stessa, il suo linguaggio artistico è "un concetto morale", che da una parte enfatizza l'estetica della perfezione classica e dall'altra capta sensi e sensazioni da un mondo attuale che vuole svelare con la sua arte e denunciare con obiettività; ecco perché Anna Montanaro è un'artista e nel contempo è una voce! 

Anna Montanaro. “Una voce per l'arte”, di Victoria Dragone - Poetessa e critico d'arte

 

L'espressione artistica è il risultato di un momento nel divenire umano, che aspira a registrare quel momento e come ha influenzato l'artista e l'universo che lo contiene. Ogni opera è un pezzo del suo creatore, è un pezzo di storia, che in qualche modo cerca di ottenere cambiamenti comportamentali o semplicemente emotivi nella sua contemporaneità. Nell'opera d'arte nulla è casuale, sebbene noi pensiamo diversamente, l'artista crea con ciò che ha ed è consapevole della sua vita, del suo ambiente e dei suoi dati universali infiniti e cerca di guidare il suo fare per ottenere un'opera con contenuti, da conscio e subconscio. Siamo effimeri ed eterni e proprio come l'opera d'arte che, sebbene duri secoli e millenni, è anche effimera. La cosa magnifica dell'opera d'arte è il suo valore emotivo, il suo valore testimoniale e fondamentalmente culturale. Conosciamo il passato dell'umanità, in larga misura, grazie alle opere d'arte. Anna Montanaro, si dedica a questo lavoro e lo fa con tutto il carico emotivo interiore che amplifica l'evoluzione di questi momenti, in cui la sostenibilità del pianeta e del suo ambiente è un imperativo. Si manifesta in esso una delle tante possibilità che dobbiamo sostenere il colore della terra, il colore del cielo, i raggi del sole. Lo sviluppo del verde che dal basso cresce modificando le forme di vita nella giungla di cemento e ferro e riassorbendoci in qualcosa di più naturale, più comprensibile. Le ragioni per l'arte devono essere "ascoltate", non sono capricci o giochi, sono vigili, sono speranza.

ANNA MONTANARO - "Sostenibilità da terra a cielo'', ©Antonio Guzzo - Critico d'arte


 

Anna Montanaro dimostra di muoversi molto bene nell’ambito di un genere di pittura contemporanea che, coniugando antico e moderno, utilizza schemi e matrici di origine informale – in particolare, la gestualità e una sorta di dripping… - per rappresentare un frammento estrapolato da una veduta più ampia riconducibile alla tradizione romantica. Notevole la profondità e gli effetti creati sulla massa liquida, la visione di questa opera dimostra quanto interessanti e validi siano i risultati ottenibili con tale tipo di ricerca, in quanto riesce a proporre nuove emozioni e sensibilità, in un contesto definibile – come è stato acutamente affermato – di un neo naturalismo.

L’artista Anna Montanaro ha saputo proporre un’immagine che ha tutta l’aria di essere stata idealmente estrapolata da un’immagine più ampia, per rappresentare in sintesi le caratteristiche stilistiche e di contenuto.

 Dott. Amedeo Bigotti – Critico e storico dell’arte

 

La sostanza effigiata d'ogni alito di vita: ne "Ophelia" di Anna Montanaro, ogni fiato immemore s'infrange l'uno dentro l'altro, come onda viva. Ed è il nostro intimo Volto ad affiorare dalla tela, come un petalo che ritorna al cuore che l'aveva perduto. La stratificazione tecnica, narrativa, emotiva e cosciente apportata dall'Artefice: monito all'inestimabile e specchio intimo di memorie, di esse muto, palpitante riverbero, e toccante ed immacolata sorgente.

 Giada Eva Elisa Tarantino - Critico dell'arte

PREMI E RICONOSCIMENTI

2016  DIPLOMA D’ONORE e Finalista PREMIO ARTE Cairo editore

https://www.cairoeditore.it/premio-arte/2016/anna-montanaro

 

2018  PRIMO PREMIO ASSOLUTO ARTE DIGITALE, PREMIO D'ARTE DELLA CITTA' DI NOVARA

2020  ALTA ONOREFICENZA ARTISTICA, PERMANENTE D’ARTE CONTEMPORANEA – ACRI

2020  PRIMO PREMIO PITTURA/GRAFICA/DISEGNO, PREMIO RICOH, X EDIZIONE


 

2020 Finalista OSTEN BIENNIAL OF DRAWING di Skopje, Macedonia Nord

https://www.facebook.com/anna.montanaro/grid?lst=1088843285%3A1088843285%3A1605194653

http://www.osten.mk/en/135-selektirani-umetnici/

https://nationalgallery.mk/osten-biennial-of-drawing-2020-in-chifte-hammam/?lang=en

https://www.facebook.com/OstenWorldGalleryOfDrawings/videos/2300774060230222/?t=3

 

2020  Finalista PREMIO DE ANDRE' – sezione pittura

https://www.ilmessaggero.it/spettacoli/musica/premio_de_andre_finalisti-4932950.html

https://www.leggo.it/spettacoli/musica/premio_fabrizio_faber_deandre_roma_finalisti-4932412.html

https://www.siae.it/it/iniziative-e-news/annunciati-i-finalisti-del-premio-de-andr%C3%A9-appuntamento-allauditorium-il-160120

 

2018   Finalista PRIMO TROFEO FERRUCCIO LAMBORGHINI

 

ESPOSIZIONI 2016-2020

PERSONALI

  • APPUNTI DI VIAGGIO, intervento critico del dott. G.G.Grasso, Ferrara - 2020

  • THE ART AND THE CINEMA, Ferrara - 2020

  • UNCONVENTIONAL, Cernusco c/naviglio - 2020

  • ANNA MONTANARO, Cernusco s/naviglio - 2019

  • PUNTI DI VISTA, Spazioporpora, Milano - 2018

  • ARTE FUORI DAI MUSEI a cura di V.Scardigno, Novara - 2017

 

PROGETTI ARTISTICI

  • FRANCOBOLLO D’ARTISTA #iorestoacasa, progetto internazionale a cura di M. Lopez Muro -2020

  • QUARANTENA D’ARTISTA #openyourmind, a cura del critico d'arte e curatore del Museo del Presente di Rende dott. R.Sottile in concerto con L. Le Piane, M. Buccieri. (Un docu-video d'arte di quaranta minuti, un minuto di creatività di quaranta artisti, che da Rende e altre città dal nord al sud dell'Italia hanno condiviso all'interno del loro studio di lavoro, un frammento della loro arte.) Il progetto rientra nelle attività promosse dall'Amministrazione Comunale di Rende, dall'Assessorato alla Cultura, ricerca ed Università e dal Museo del Presente, Rende - 2020

  • WORLD ART DAY Giornata Mondiale dell'Arte, ratificata e riconosciuta da UNESCO, organizzata da Aiapi - 2020

  • SEGNALIBRI D’ARTISTA 2019, a cura della Libreria storica Bocca, Milano – 2019 

  • IL GUSTO DELL’ARTE organizzata da AMACI all'interno della 14^ Giornata del Contemporaneo. Castello di Vicolungo, Palazzo Bellini - Oleggio. Museo del Broletto – Novara

  • METR’ART GLOBAL DDIGITAL ART  Giornata internazionale dei diritti umani, a cura di Plexus International Forum Onlus e Macro Asilo - Museo d'arte contemporanea di Roma (www.plexusinternational.org) - 2018

  • ANTES DEL FIN, POR UNA ECO-REVOLUCION, Sala Santiago Nattino de APECH, Las Condes Santiago de Chile - 2018

  • In cammino con l'arte, a cura di LEO GALLERIES e STREETARTPIU, Monza. Santuario della Madonna delle Grazie, Monza – 2018/19

 

FINALISTA

  • PREMIO ARTE 2016 CAIRO EDITORE, Palazzo Reale, Milano - 2016

  • PREMIO DE ANDRE’ 2020, XVII edizione, organizzato da iCompany, con direzione artistica L. Melis e col patrocinio della Fondazione De Andrè. Auditorium Parco della Musica, Roma - 2020

  • 10° PREMIO RICOH -  10° e 9° edizione a cura del prof. G.G.Grasso e M.Goj - Art Relation. Palazzo della Regione Lombardia, Milano – 2019-20

  • OSTEN BIENNIAL OF DRAWING, a cura E.Aleksiev per I 75 ANNI DI OSTEN. Mostra dei 135 artisti selezionati da 45 paesi e mostra degli artisti vincitori scorse edizioni. Sede espositiva il museo Chiefte Hamam, National Art Gallery of Macedonia, Skopje – 2020

  • BULLDAYS TOUR: 1° Tributo Ferruccio Lamborghini a cura Atelier dell'artista, Aiapi, Palazzo della Loggia, Motta di Livenza - 2018

  • HUMAN RIGHTS? # THE FUTURE'S SHAPE a cura di R. Ronca, Aiapi/Unesco. Fondazione Opera Campana dei Caduti, Rovereto - 2020

  • HUMAN RIGHTS? #Clima a cura di R. Ronca, Aiapi/Unesco. Fondazione Opera Campana dei Caduti, Rovereto - 2019

  • HUMAN RIGHTS? #EDU a cura di R. Ronca, Aiapi/Unesco, Fondazione Opera Campana dei Caduti, Rovereto - 2018

  • HUMAN RIGHTS? #H2O a cura di R. Ronca, Aiapi/Unesco. Fondazione Opera Campana dei Caduti, Rovereto - 2017

  • ARS INCOGNITA a cura di Qualitaly, Città di Nichelino, con intervento critico di: P.Daverio e M. Micelli; Fondazione Ordine Mauriziano, Fondazione CRT. Palazzina di caccia di Stupinigi, Torino - 2017

  • 17° PREMIO NAZIONALE D’ARTE DELLA CITTA’ DI NOVARA,  Castello Visconteo Sforzesco, Novara

  • ARTES, Palazzo Birago - Camera di commercio, Torino – 2020

 

COLLETTIVE

  • LA DEMOCRAZIA NELL’ARTE, a cura del prof. G.G.Grasso, Venice Art Gallery, Venezia

  • OSTEN BIENNIAL PF DRAWING, National Art Gallery of Macedonia, Skopje.

  • INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART a cura del prof. G. G. Grasso. Spazio Stazio, Milano.

  • PREMIO DE ANDRE’- XVII edizione, organizzato da iCompany, con direzione artistica L. Melis e col patrocinio della Fondazione De Andrè. Auditorium Parco della Musica, Roma - 2020

  • PERMANENTE DELL’ARTE CONTEMPORANEA ITALIANA a cura degli storici e critici dell'arte: dott. G. Giglio, dott. S. Morelli, dott. G. Covelli, dott.ssa A. Carelli, dott.ssa R. Buccieri, dott. G.Pugliese. Palazzo Falcone & Dei Principi Sanseverino Da Bisignano, Acri – 2020

  • MOSTRA INTERNAZIONALE ARTES, Palazzo Birago - Camera di commercio, Torino – 2020

  • NATALE CON L’ARTE A MILANO a cura del prof. G.G.Grasso e della dott.ssa G.Tarantino, Spazio M'Arte, Milano - 2019

  • L'ARTE FIGURATIVA TRA REALISMO E NON a cura del prof. G.G.Grasso e della dott.ssa G.Tarantino. Spazio M'Arte, Milano - 2019

  • NATALE CON L’ARTE a cura della dott.ssa M. Babbini, Galleria d'arte Artistikamente, Pistoia - 2019

  • WHY NOT CHOOSE LOVE? A Mary Pickford Manifesto, a cura del prof. G.G.Grasso e dott.ssa M. Palladino. Palazzo Zenobio, Venezia - 2019

  • GENI COMUNI a cura di R.Sottile e M.Buccieri. Organizzato da L.Le Piane. Museo del Presente, Rende - 2019

  • LO STATO DELL’ARTE AI TEMPI DELLA 58° BIENNALE DI VENEZIA (I, II^, III^ e IV^ istanza), a cura del prof. G.G.Grasso. Direzione scientifica: dott.ssa M.Palladino e dott.ssa G.Tarantino. Palazzo Zenobio già sede del padiglione Armeno della 58° Biennale di Venezia, Venezia - 2019

  • LA DEMOCRAZIA DELL’ARTE (I^, II^, III^ e IV^ istanza) a cura del prof. dott. G.G.Grasso. Direzione scientifica: dott.ssa G.Tarantino e dott.ssa M.Palladino. Fabbrica del Vapore, Milano - 2019

  • ARTE FIGURATIVA A BRERA a cura del prof. G.G.Grasso e della dott.ssa G.Tarantino. Spazio M'arte, Milano - 2019

  • NoTHEMAMIart a cura della dott.ssa V. Novikova Nava e dell'associazione internazionale ADDA, Fabbrica del Vapore, Milano - 2019

  • PREMIO NAZIOANEL D’ARTE DELLA CITTA’ DI NOVARA – 18° e 17° edizione. Patrocinio del Comune di Novara, Sovrintendenza Beni Culturali Piemonte. Castello Visconteo Sforzesco, Novara – 2018 e 2019

  • TROFEO SAN GAUDENZIO – 8° edizione, patrocinio Comune di Novara, Museo del Broletto, Novara - 2018

  • BIENNALE D’ARTE NAZIONALE Novara art prize 2018, a cura di A. Binotti. La Riseria, Novara - 2018

  • PREMIO NAZIOANEL D’ARTE DELLA CITTA’ DI NOVARA – 16° edizione. Patrocinio del Comune di Novara, Sovrintendenza Beni Culturali Piemonte. Broletto, Novara - 2017

  • MOSTRA ARTISTICA SUL FEMMINICIDIO a cura di R.Battaglia e Gruppo Penta con il patrocinio dei Comuni di: Cantù e Mariano Comense. Battistero Basilica di Galliano, Cantù - 2017

  • COLORS OF PASSION IN GALLERY a cura di Alberto Moioli, Galleria "Arte Milano Incontri", Milano - 2017

  • RUSSIAN IMAGINATION con intervento critico di V. Raschetti. Volume 33, Milano - 2017

  • LOVE4ART, intervento critico di Menotti Lerro, Galleria Spazio Solferino, Milano - 2017

  • PREMIO INTERNAZIONALE D’ARTE CITTA’ DI REGGIO CALABRIA a cura della Galleria Serart, Castello Aragonese, Reggio Calabria - 2017

  • CANNES VS TURIN Cannes - 2017

  • WAB -  WOMAN ART BRA. Biennale della creatività, Patrocinato dal Comune di Bra e dall’Assessorato alla cultura. Movicentro, Bra - 2016

PUBBLICAZIONI

  • ARTES, 2020 – ISBN: 978-8885572737. Catalogo, Anna Montanaro a pag. 57.

  • SEGNALIBRO D’ARTISTA, a cura di G.Lodetti e G. Ottaviani, Libreria Bocca. Catalogo. Anna Montanaro a pag. 64.

  • PERMANENTE DELL’ARTE CONTEMPORANEA, 2020 – ISBN: 978-88-3229617-4. Catalogo. 

Anna Montanaro a pagg. 90 - 91.

  • PREMIO RICOH, 2020 – Catalogo

  • NOTEMAMIART, Adda International. Catalogo. Anna Montanaro a pagg. 57 – 58.

  • PREMIO NAZIONALE CITTA’ DI NOVARA, 2019 – Catalogo. Anna Montanaro a pagg. 54 -55.

  • HUMAN RIGHTS? # THE FUTURE'S SHAPE, Aiapi/Unesco, 2020 – Catalogo. Anna Montanaro a pag. 91.

  • HUMAN RIGHTS? #Clima, Aiapi/Unesco, 2019 – Catalogo. Anna Montanaro a pag. 88.

  • HUMAN RIGHTS? #EDU, Aiapi/Unesco, 2018 – Catalogo. Anna Montanaro a pag. 78.

  • HUMAN RIGHTS? #H2O, Aiapi/Unesco, 2017 – Catalogo. Anna Montanaro a pag. 99.

  • PREMIO RICOH, 2019 – Catalogo. Anna Montanaro a pag. 22

  • ARS INCOGNITA, 2018 – Catalogo. Anna Montanaro a pag. 164.

  • WAB Women Art Bra – Catalogo. Anna Montanaro a pag. 146.

 

  • NUOVA ARTE, ed. Giorgio Mondadori, 2017. Anna Montanaro a pag. 32.

  • CAM - CATALOGO D’ARTE MODERNA nr. 52, sez, PREMIO ARTE, ed. Giorgio Mondadori, 2017

  • Rivista ARTE, sez. PREMIO ARTE, Cairo editore (ed. 2016/ottobre)

  • Rivista ARTE, sez. PREMIO ARTE, Cairo editore (ed. 2016/novembre)

  • Rivista ARTE, sez. PREMIO ARTE, Cairo editore (ed. 2016/dicembre)

  • https://montanaro1981.exibart.com

  • Julier-artmagazione.com, 26 novembre 2020

 

TRASMISSIONI TELEVISIVE

  • THE ART SkyArte partecipazione alla trasmissione curata dallo storico e critico dell’arte prof. G.G.Grasso. Anna Montanaro al minuto 9:50 del link riportato.

https://youtu.be/il9VmDdzcBM

 

 

PROSSIME MOSTRE 2021…

  • Mostra personale, Anna Montanaro a cura del critico d’arte Y. Konsho, Sushi zen, Milano.

(DATE DA DEFINIRSI) 

 

  • Mostra personale, Anna Montanaro, Cascia San Felice, Parco di Monza, Monza.

(DATE DA DEFINIRSI) 

 © 2020  by Galleria Milanese

Tutti i diritti riservati

Segui il meglio dell'arte sui nostri social network

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Vimeo Icon
Invia recensioneNon mi piaceCosì cosìBeneFantasticoLo adoroInvia recensione