THE JUMPER
60 x 80
acrilico su tela
2020
€ 2.000

L'artista brasiliana Mariana De Mendonça, di Campinas (San Paolo) fin dalla tenera età, si dedicò ai disegni e alle lezioni di Educazione Artistica dove si distinse. Appassionata di calligrafia, l'artista ha creato storie illustrate.
Il tema preferito era sempre il cavallo, raccoglieva ritagli, creava una storia e disegnava per i colleghi. Al liceo, all'età di sei anni, era conosciuta come colei che disegnava cavalli.
La passione era enorme, così suo padre acquistò un cavallo da passeggio, in seguito di sua iniziativa continuò a frequentare lezioni di equitazione in una scuola vicino a casa sua.
E, non era per niente, dal momento che suo nonno era il Direttore del Fantino di Pelotas- RS, anche in Brasile dedicandosi al commercio di cavalli da corsa, così fin dall'inizio nelle sue visite al nonno è stata portata a cavalcare , che l'ha segnata profondamente.
Nel 1994, all'età di 14 (quattordici) anni è andata a vivere con il padre a Brighton, in Inghilterra, dove ha avuto contatti con l'Atelier della Scuola della Newman School, distinguendosi, ancora una volta, nelle classi artistiche. In quel periodo è stata invitata ad esporre all'interno del gruppo scolastico, presentando un collage con riferimento all'arte indigena canadese.
Durante il suo soggiorno, ha visitato musei, scuole d'arte, piccole gallerie, così come il fatto che viveva con opere architettoniche di valore storico, la ha profondamente influenzata. Ha visitato il Louvre, mostra di Dalí, tra gli altri, quando era in Francia; si percepisce che la sua educazione informale nelle arti era già in corso. Periodo in cui non smette di frequentare le lezioni di equitazione, rimanendo fedele alla sua passione, ai cavalli e all'arte.
Tornò in Brasile, riprese i suoi studi formali, ora il suo college, "Anglo-Campinas", che non insegnava lezioni di educazione artistica, solo studi concentrati per vestibolari.
Nel 1999 ha frequentato il corso di Laurea in Scienze Giuridiche e Sociali presso la Pontificia Università Cattolica di Campinas. Nel 2001, ha rinchiuso per recarsi a Vancouver, in Canada, e perfezionare il suo inglese. Durante il suo soggiorno in Canada, ha visitato gallerie d'arte indigene come la Lattimer Gallery, musei e la Columbia University.
Al suo ritorno in Brasile, ha completato la sua Laurea in Scienze Giuridiche e Sociali, tuttavia la sua insoddisfazione ha scoperto che l'ha portata, ancora una volta, alle Arti.
Da sola, ha iniziato a sviluppare i suoi dipinti, quando ha affrontato la resistenza della sua famiglia, ma nient'altro ha potuto impedirle di tali direzioni. Molto rapidamente la zia e artista plastica Sonia Heinz, formata da URGS, inizia a notare i suoi dipinti, amici e anche sconosciuti, un momento che stimolato ad esporre le sue opere, è stato accolta da porte aperte. Ha prodotto un piccolo catalogo con le sue opere nel 2020, come artista indipendente. Dopo aver partecipato a mostre, saloni e concorsi di arti visive, la sua ultima partecipazione è stata nel settembre di quest'anno quando è stata selezionata per mostre collettive come nel "Laboratorio sotterraneo di arte contemporanea", in Brasile.
Come risultato della sua carriera, ha iniziato a vendere e ricevere ordini soprattutto con il tema del cavallo. È successo tutto rapidamente. Muoversi attraverso diversi linguaggi pittorici e tecnici.
Ha studiato attraverso corsi gratuiti e brevi, tra gli altri e attraverso consulenti che gli sono emersi come maestri durante la sua carriera.
Premiata dal voto popolare, in un concorso artistico nazionale di Amatra XV, tenutosi nell'anno 2020, durante la pandemia, quando aveva solo un mese per progettare ed eseguire la pittura di una tela di dimensioni 1,80 m x 1m, il cui tema era "POTERE, ETICA, SPIRITUALITÀ ED EFFICACIA DELLA GIUSTIZIA". Questo argomento era difficile, in un'opera di queste dimensioni, in un periodo di tempo così breve. Ma Mariana prosperò, tanto che il lavoro fu acquisito dall'istituzione e oggi occupa un posto nella sede principale dell'istituzione.
Con l'avvento della Pandemia, ha anche elaborato diverse serie di opere e ricerche, dedicandosi fedelmente alla sua pittura, studiato, arte contemporanea e artisti come "Antônio Tapies", "Phillipe Guston", "Bispo do Rosário", "Mestre Shitao", o "Monge-abobora-Marga", nell'arte contemporanea Ligia Clark, Hélio Oiticica tra gli altri, hanno concentrato parte dei suoi studi anche sull'espressionismo tedesco, nel documentario e nella letteratura.
Ha prodotto, serie e studi come, serie "Arlequins"- (cavalli)- Serie "Caleidoscopi" (cavalli), serie "Donne nella pandemia", serie e "Angeli Messaggeri di speranza", serie "Cavalli", serie "Viaggio sud- malinconia"; Serie "Jatobás"; serie "Horses in Lines"; "Memorie di carta"; "movimento dell'Universo" e ha prodotto studi delle linee e delle tracce. (media: cartone, cavas, tra gli altri)
Negli ultimi due anni si è dedicato alla pittura su media digitali, dove studia l'interazione delle persone e le forme di produzione. Attualmente si occupa di Post-laurea in Arti Visive e i suoi studi si rivolgono alla pittura sintetica, minimalista e geometrica, come forma di dialogo diretto con lo spettatore dove uno dei temi principali è il cavallo, i corpi e le forme universali, L'artista è interessata al layout libero. Le sue creazione sono senza eccessi, che si oppone all'attuale consumo eccessivo. Sviluppa il suo linguaggio pittorico sintetico, diretto e gestuale come modo per avvicinarsi alla sua poetica.

THE JUMPER
60 x 80
acrilico su tela
2020
€ 2.000

BOUQUET DE OVELHAS
25 x 30
acrilico su tela
2019
€ 3.000

FAST LANE
60 x 70
acrilico su tela
2022
€ 1.500

ALEGRO
80 x 80
acrilico su tela
2021
€ 2.000

O CAVALO
21 x 29,7
Carboncino e acquerello su carta importata.
2019
€ 1.000

O ARLEQUIM
70 X 60
acrilico su tela
2022
€ 2.000

CAVALO NEGRO
79 x 64
Pastello secco, carboncino, misto su carta.
2019
€ 2.000

CAVALO EM PRETO E BRANCO
40 X 30
olio su tela
2021
€ 1.000

CARNAVAL
70 x 60
acrilico su tela
2022
€ 1.000

CAVALO EM LIBERDADE
90 x 80
acrilico su tela
2021
€ 1.250