Nata a porto Santo Stefano (Monte Argentario) nel 1959, si trasferisce a Grosseto negli anni 80’, dove si dedica attivamente alla sua passione per l’arte.
All’età di cinquantacinque anni decide di intraprendere gli studi serali presso il Liceo Artistico Bianciardi di Grosseto, che le permette di sperimentare e iniziare a conoscere svariate tecniche e materiali malleabili; passando dalla manipolazione della creta al disegno con grafite e matite colorate, dalla china alla tempera fino all’uso dei pastelli ed ai colori ad olio.
Nel 2015 inizia il suo percorso espositivo, partecipando all’esposizione annuale degli allievi del corso serale del Liceo Artistico Bianciardi, presso il centro commerciale Aurelia Antica di Grosseto.
Per ampliare le sue conoscenze, dopo aver conseguito la maturità, decide di iscriversi alla “Si.mon art school” della pittrice Silvia Montomoli, dove continua ad esercitare le pratiche del carboncino, dei pastelli morbidi e della pittura ad olio.
Partecipa alle collettive degli allievi della Si.Mon art school, presso la sala espositiva dell’ex Casello Idraulico del Comune di Follonica.
Nel 2021 intraprende il percorso delle mostre personali, portando la sua arte al paese natio, presso la Fortezza Spagnola di Porto Santo Stefano, dove sono stati esposti esclusivamente lavori creati personalmente da lei.
Nell’estate del 2021 porta la sua arte nella perla della Maremma, Castiglione della Pescaia, precisamente a Palazzo Centurioni.
A fine estate decide di iscriversi all’associazione AGAF (Associazione Grossetana Arti Figurative), un’associazione di tipo A.P.S. (Associazione di Promozione Sociale) di tipo artistico e no profit.
Nel maggio 2022 ha partecipato ad un concorso di arte estemporanea presso le mura Medicee di Grosseto concludendola con ottimi risultati.
In luglio 2022 espone con l’AGAF al Forte Stella di Porto Ercole, con la mostra “Ai confini del mare”.
Per l’estate 2022, con la sua nuova mostra “Bellezza in movimento”, vuole rappresentare e far arrivare al fruitore visivo il dinamismo in tutta la sua interezza; attraverso la maestosità, la bellezza, l’eleganza e la potenza di questo bellissimo e nobile animale.
Come primo incarico per il 2023 ottiene quello di dipingere il Trofeo per la “Società Arcieri di Grosseto”.
Nelle opere dell'artista Marcella Bianciardi, i colori della natura sono di costante interesse e sembra essere la chiave dei suoi dipinti, spesso lirici e armoniosi. L'opposizione della vernice grassa contro il sottile e in alcuni casi la luce contro l'oscurità sono drammi che si svolgono sul piano delle sue composizione. L'osservazione penetrante del mondo circostante la porta a dialoghi simbolici con gli spettatori. Pertanto, giustappone consapevolmente l'estetica della realtà con ciò che è incerto, sfocato, a volte senza confini. L'artista ha a cuore gli elementi visivi e tattili della percezione e realizza dipinti che coinvolgono lo spettatore attraverso l'uso dello spazio, della luce e del colore' in cui integra percezione, memoria e immaginazione.

Image-empty-state.png

Marcella Bianciardi

face_edited.png
instagram-circle-icon-png-24.jpg

Nata a porto Santo Stefano (Monte Argentario) nel 1959, si trasferisce a Grosseto negli anni 80’, dove si dedica attivamente alla sua passione per l’arte.
All’età di cinquantacinque anni decide di intraprendere gli studi serali presso il Liceo Artistico Bianciardi di Grosseto, che le permette di sperimentare e iniziare a conoscere svariate tecniche e materiali malleabili; passando dalla manipolazione della creta al disegno con grafite e matite colorate, dalla china alla tempera fino all’uso dei pastelli ed ai colori ad olio.
Nel 2015 inizia il suo percorso espositivo, partecipando all’esposizione annuale degli allievi del corso serale del Liceo Artistico Bianciardi, presso il centro commerciale Aurelia Antica di Grosseto.
Per ampliare le sue conoscenze, dopo aver conseguito la maturità, decide di iscriversi alla “Si.mon art school” della pittrice Silvia Montomoli, dove continua ad esercitare le pratiche del carboncino, dei pastelli morbidi e della pittura ad olio.
Partecipa alle collettive degli allievi della Si.Mon art school, presso la sala espositiva dell’ex Casello Idraulico del Comune di Follonica.
Nel 2021 intraprende il percorso delle mostre personali, portando la sua arte al paese natio, presso la Fortezza Spagnola di Porto Santo Stefano, dove sono stati esposti esclusivamente lavori creati personalmente da lei.
Nell’estate del 2021 porta la sua arte nella perla della Maremma, Castiglione della Pescaia, precisamente a Palazzo Centurioni.
A fine estate decide di iscriversi all’associazione AGAF (Associazione Grossetana Arti Figurative), un’associazione di tipo A.P.S. (Associazione di Promozione Sociale) di tipo artistico e no profit.
Nel maggio 2022 ha partecipato ad un concorso di arte estemporanea presso le mura Medicee di Grosseto concludendola con ottimi risultati.
In luglio 2022 espone con l’AGAF al Forte Stella di Porto Ercole, con la mostra “Ai confini del mare”.
Per l’estate 2022, con la sua nuova mostra “Bellezza in movimento”, vuole rappresentare e far arrivare al fruitore visivo il dinamismo in tutta la sua interezza; attraverso la maestosità, la bellezza, l’eleganza e la potenza di questo bellissimo e nobile animale.
Come primo incarico per il 2023 ottiene quello di dipingere il Trofeo per la “Società Arcieri di Grosseto”.
Nelle opere dell'artista Marcella Bianciardi, i colori della natura sono di costante interesse e sembra essere la chiave dei suoi dipinti, spesso lirici e armoniosi. L'opposizione della vernice grassa contro il sottile e in alcuni casi la luce contro l'oscurità sono drammi che si svolgono sul piano delle sue composizione. L'osservazione penetrante del mondo circostante la porta a dialoghi simbolici con gli spettatori. Pertanto, giustappone consapevolmente l'estetica della realtà con ciò che è incerto, sfocato, a volte senza confini. L'artista ha a cuore gli elementi visivi e tattili della percezione e realizza dipinti che coinvolgono lo spettatore attraverso l'uso dello spazio, della luce e del colore' in cui integra percezione, memoria e immaginazione.

Couperin
60 x80
olio su tela
Marcella Bianciardi
2019