Maria Jarda

Maria Jarda  nasce ad Iasi ( Romania ), conseguendo il diploma al liceo scientifico, successivamente  l'arte e la cultura la invogliano ad inscriversi presso l'universita nazionale di Bucarest dove  si affianca ad un grande maestro  che la guida all' insegniamento della scuola di Barbinzon .Dopo la laurea in Arte, completa i suoi studi  con vari master  formativi . La sua passione per la pittura l'ha sempre acompagniata  allo studio   Universitario fino ad incontro con le reali opere pitoriche di grandi maestri coglendo le migliore tecniche auree. La  pitrice   vieni  affascinata dalla natura circostante ed osserva con  ochio attento il mutarsi delle imagini. I suoi studi profondi sono anche ralativi alle figure umane, esse infatti diventono i suoi rifferimenti  per la sua tecnica artistica. L'artista  ha un modo tradizionale di realizzare  la  pittura ed i soggeti  con originalita'  e diventa abile a dare creativita ai suoi dipinti  realizzati con sfumature con raporti  equilibrati tra luce ed ombre, arrivando fino a tonalita . Nei suoi dipinti  ad olio predominano le variazioni cromatiche   sulle tonalita del verde.

Acquista direttamente dall'artista
​​
jarda_maria@yahoo.com
  • Facebook
  • Instagram
VIAGGIO
75 x 100
olio su tela
anno 2020
Є 2.500
VIA PRAHOVA
51 X 40
olio su tela
anno 2018
Є 800
VENEZIA
70 X 50
olio su tela
anno 2019
Є 1.000
PIAZZA SAN MARCO
80 X 60
olio su tela
anno 2020
Є 1.500
ROMA
60 X 80
olio su tela
anno 2020
Є 1.500
PASSEGIATA IN RIVA AL MARE
70 X 100
olio su tela
anno 2020
Є 2.500
PAESAGGIO INVERNALE
70 X 90
olio su tela
anno 2019
Є 1.500
IL PONTE RIALTO
60 X 80
olio su tela
anno 2018
Є 1.400
PAESAGGIO MARINE
50 X 71
olio su tela
anno 2020
Є 1.200
Paesaggio dalla Romania olio su tela 201
100 X 75
olio su tela
anno 2019
Є 2.700
Show More

 © 2020  by Galleria Milanese

Tutti i diritti riservati

Segui il meglio dell'arte sui nostri social network

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Vimeo Icon
Invia recensioneNon mi piaceCosì cosìBeneFantasticoLo adoroInvia recensione